Catalog - Globorotaloides falconarae Catalog - Globorotaloides falconarae

CATALOG OF ORIGINAL DESCRIPTIONS: Globorotaloides falconarae Gianelli & Salvatorini 1976

This page provides data from the catalog of type descriptions. The catalog is sorted alphabetically. Use the current identification link to go back to the main database.


Higher levels: pf_cat -> G -> Globorotaloides -> Globorotaloides falconarae
Other pages this level: G. atlanticus, G. carcoselleensis, G. eovariabilis, G. falconarae, G. indigena anavenezuelana, G. indigena redissimilis, G. parvulus anasuteri, G. parvulus lateraliaperturus, G. quadrocameratus, G. suteri, G. suteri relizensis, G. trema, G. variabilis

Globorotaloides falconarae

Citation: Globorotaloides falconarae Gianelli & Salvatorini 1976
taxonomic rank: species
Described on page(s) : 170-2
Type specimens: Tav. 2, figs. 1-6; Olotipo - Tav. 2, figg. la-e.
Type sample (& lithostrat): Argille grigie molto ricche di Foraminiferi planctonici, circa 95 m sotto l'inizio del «Calcare di base» (camp. FA 5 di D'Onofrio et al., 1976).
Type age (chronostrat): N16 Tortonian
Type locality: Sicily; Versante meridionale di M. Cantigaglione, circa 3,5 km a NW di Castello di Falconara sulla costa meridionale siciliana
Type repository: Pisa; Laboratorio di Micropaleontologia dell'Istituto di Geologia e Paleontologia dell'Università di Pisa.

Current identification:


Original Description

Guscio di piccole dimensioni (diametro massimo 0,25 mm), costituito da 12 camere; trocospira bassa, composta da due giri e mezzo; quattro camere visibili dal lato ombelicale. Profilo equatoriale subcircolare, periferia equatodaJe debolmente lobata. Profilo assiale subovale, periferia assiale arrotondata. Camere ovate, un po' compresse ventralmente (la compressione è più marcata nella parte anteriore di ciascuna camera), di dimensioni gradualmente crescenti. Suture un po' depresse e debolmente ricurve sia sul lato ventrale che su quello domale. Ombelico piuttosto ampio. Apertura ombelicale, lnon simmetrica .rispetto all'ombelico ,estendendosi leggocmente verso la parte antel'iore della camera; essa ha la forma di arco molto basso ed è munita di un labbro sporgente e imperforato, più sviluppato nella sua parte mediana. Superficie cancellata; parete finemente perfor.ata.

Size:
diametro massimo 0,25 mm

Etymology:
Da Falconara (Sicilia), località dalla quale proviene l'olotipo

Extra details from original publication
Osservazioni; Dall'esame di individui in diversa. stadi di crescita risultano abbastanza evidenti quelle variazioni ontogenetiche descritte da Bolli (1957} per i'l suo nuovo genere Globorotaloides.

Negli individui più giovani G. falconarae presenta un'apertura ombelicale-extraombelicale (che in genere non s-i estende oltre la metà della faccia aperturale}, spesso a forma di fessura; l'ombelico è piccolo, il guscio sensibilmente compresso, le camere alJungate tangenzialmente. In stadi ontogenetici più avanzati l'apertura è relegata alla zona ombelicale (in genere però è asimmetrica rispetto aùl'ombelico) ed è leggermente più alta; l'ombelico è più ampio, le camere sono leggermente più globose e meno allungate, il guscio è meno compresso.

In qualsiasi stadio ontogenetico non sono infrequenti esemplari con camera terminale anomala per struttura, dimensioni e posizione. Essa infatti ha 'una struttura più delicata e dimensioni più ridotte rispetto a quelle de1le camere che immediatamente la precedono ed è spostata verso l'area ombelicale in modo da ricoprire parzialmente o totalmente l'ombelico. Talvolta, specialmente negli esemplari più piccoli, è talmente ridotta da assumere l'aspetto di una vera e propria bulla e può presentare, eccez!io!ll'ail.mente, due aperture infralaminari.

Nelle popolazioni di G. falconarae si rileva inoltre una leggera variabilità nella forma delle camere, nella forma e dimensioni dell'apertura e nell'altezza delia trocospira.

G. suteri Bolli è l'unica specie dei genere Globorotaloides che può essere avvioinata a G. falconarae. Quest'ultima, tuttavia, si distingue per avere camere meno globose e più allungate tangenzialmente, meno separate e costantemente in numero di quattro nell'ultimo giro. Inoltre il profilo equatoriale è p!iù drcolare e la periferia meno lobata.

Distribuzione stratigrafica: La specie è stata rinvenuta in livelli tortoniani di numerose serie dell'Italia peninsulare e insulare (Rio Mazzapiedi, Piemonte; Mussotto, Piemonte; Cropalati, Calabria; Falconara, Sicilia; M. Giammoia, Skilia), nei sedimenti tortoniani dell'Arcipelago maltese e del Bacino Levantino a W di Cipro (Pozzo 375 del Leg 42A del DSDP). La sua presenza è stata accertata anche nel Tortoniano di alcune sezioni al di fuori del Bacino mediterraneo e precisamente nell'Andalusia occidentalle (Spagna).

In termini della zonazione di Blow (1969) la sua distribuzione nelle serie sopraricordate comprende sicuramente l'intervallo Zona N 15 (parte alta) Zona N 16. E' dubbia la sua presenza nella parte basale della Zona N 17, date le incertezze che esistono nello stabilire l'inizio esatto di questa zona nelle serie del Bacino mediterraneo (v. anche in D'Onofrio et al., 1976).

References:

Giannelli, L. & Salvatorini, G. (1976). Due nuove specie di foraminiferi planctonici del Miocene. Bollettino della Societa Paleontologica Italiana. 15: 167-173. gs


logo

Globorotaloides falconarae compiled by the pforams@mikrotax project team viewed: 27-5-2024

Taxon Search:
Advanced Search

Short stable page link: https://mikrotax.org/pforams/index.php?id=131318 Go to Archive.is to create a permanent copy of this page - citation notes



Add Comment

* Required information
Captcha Image
Powered by Commentics

Comments

No comments yet. Be the first!