Catalog - Globoquadrina langhiana

CATALOG OF ORIGINAL DESCRIPTIONS: Globoquadrina langhiana Cita & Gelati 1960

This page provides data from the catalog of type descriptions. The catalog is sorted alphabetically. Use the current identification link to go back to the main database.


Higher levels: pf_cat -> G -> Globoquadrina -> Globoquadrina langhiana
Other pages this level: G. altispira conica, G. altispira globosa, G. asanoi, G. dehiscens praedehiscens, G. globularis, G. himiensis, G. kagaensis, G. langhiana, G. larmeui, G. obesa, G. pachyderma pacifica, G. palmerae, G. patriciae, G. pozonensis, G. primitiva, G. pseudofoliata, G. quadraria advena, G. sellii, G. subdehiscens, G. tripartita laxispira, G. tripartita tricamerata

Globoquadrina langhiana

Citation: Globoquadrina langhiana Cita & Gelati 1960
Rank: species
Described on page(s) : 242
Type specimens: holotype text fig 1a-c, pl. 29, figs. 1- 20, paratypes. X 48:
Type sample (& lithostrat): level 53 of the Rio Marrucco series
Type age (chronostrat): Lower Miocene, lower part of the Langhian, Globoquadrina langhiana Zone .
Type locality: Gorzegno. Cuneo Province, in the southwestern part of Piedmont, Italy
Type repository: Milan; Laboratory of Micropaleontology, Institute of Geology, University of Milan, Italy

Current identification/main database link: Dentoglobigerina baroemoenensis (LeRoy, 1939)


Original Description

Forma di dimensioni medie per il genere, formata da due giri e mezzo-tre giri di camere avvolte secondo una spirale debolmente rialzata. Le camere sonopiuttosto globose e crescono rapidamente; l'ultima è molto più grande delle precedenti e se presenta da arrotondata a schiacciata verso il lato esterno. Le camere sono in totale in numero di 9-10; quelle dell'ultimo giro sono sempre tre, tre e mezzo. Esse sono separate da suture depresse sia sul lato spirale che su quello ombelicale. In veduta spirale, il contorno è poco lobato e la forma generale è subquadrata. Superficie delle camere grossolanamente punteggiata, salvo che sull'ultima camera, la quale è' finemente punteggiata. In veduta laterale la specie in esame presenta un margine esterno da arrotondato a subquadrato. In veduta ombelicale si nota un ombelico di medie dimensioni e profondo; aperture streta e allungata, orlata da un labro distinto. Nell'olotipo e in altri esemplari ben conservati si vedono anche le aperture ombelicato delle camere precedenti, tutte orlate da um simile labbro. L 'ultima camera si presenta spesso alquanto appuntita e angulosa ventralmente, anche piu di quanto non si riscontri nell 'olotipo, e presenta delle granulazioni in corrispondenza della parte appuntita. L'avvolgimento è destro- o levogiro. Quest 'ultimo tipo prevale nel campione dal quale proviene l'olotipo.

Size:
olotipo 0 . 40mm

Etymology:

Extra details from original publication
Confronti e dilferenze Delle 6 specie mioceniche, con 2 varieta, riferite attualmente al genere GLoboquadrina, che sono G. quadraria (Cushman e Ellisor) G. quadraria advena Bermudez. G. dehiscens (Chapman, Parr & Collins), G. subdehiscens Finlay, G. altispira (Cushman e Jarvis), G. altispira globosa Bolli, G. obesa Akers. e G. larmeui Akers, la nueva specie puu essere confrontata con Globoquadrina dehiscens per l'angolosità dell'ultima camera sul lato ombelicale. La specie australiana però presenta un numero di camere leggermente maggiore nel giro esterno, accrescimento piu lento e regolare, minori dimensioni dell'ultima camera rispetto alle precedenti. Questa inoltre presenta una faccia di apertura a spatola e un'angolosità ombelicale piu marcata che nella nostra specie. Un confronto con la G. larmeui dimostra analogia con la nostra specie per la globosità delle camere ed il loro numero particolarmente scarso; la specie della Louisiana e però dicersa de quella delle Langhe per il maggiore sviluppo in altezza (intesa come la dimensione misurata perpendicolarmente all'avvolgimento della spira, sullo stesso piano) delle camere, per avere l'ultima camera meno sviluppata. in proporzione, rispetto alle precedenti, e piu globosa sul lato ventrale.

La specie che presenta le maggiori analogie con la nostra è, senz'altro G. obesa del Miocene (zona a Miogypsina) della Louisiana; i caratteri che valgono a tenere distinto l'olotipo di Akers sono le dimensioni relative dell'ultima camera. che è piu bassa e piu larga, e il suo aspetto in veduta ombelicale. Essa si presenta infatti piu bassa e tozza, non e angolosa, non ha granulazioni ed e punteggiata altrettanto grossolanamente delle camere precedenti. Tali differenze risultano ancora piu chiaramente dall'esame di paratipi gentilmente inviatici da Akers, che mostrano l'ultima camera molto abbracciante, tanto da assumere una forma 'a mezzaluna' sia sul lato a spirale, sia su quello ombelicale, e ancora piu sviluppata rispetto alle precedenti di quanto non risulti dall'olotipo.

Editors' Notes

References:

Cita, M. B. & Gelati, R. (1960). Globoquadrina langhiana n. sp. del Langhiano-tipo. Rivista Italiana di Paleontologia e Stratigrafia. 66: 241-246. gs


logo

Globoquadrina langhiana compiled by the pforams@mikrotax project team viewed: 7-8-2022

Taxon Search:
Advanced Search

Short stable page link: https://mikrotax.org/pforams/index.php?id=130941 Go to Archive.is to create a permanent copy of this page - citation notes



Comments (0)

No comments yet on this page. Please do add comments if you spot any problems, or have information to share

Add Comment

* Required information
1000
Captcha Image
Powered by Commentics